Cosa vedere a Rodi

Rodi è un museo a cielo aperto, qui i segni della sua storia gloriosa convivono in armonia con spiagge bellissime, siti archeologici e un mare cristallino.

Impossibile rimanere a corto di idee su cosa vedere a Rodi: l’isola è così ricca di attrazioni turistiche che si potrebe spendere una settimana senza nemmeno mettere piede in una spiaggia.

Siamo però certi che vi dispiacerebbe non spendere almeno metà della vostra vacanza esplorando le incantevoli spiagge di Rodi, e ne vale certamente la pena tanto sono suggestive.

Il resto del tempo dividetelo tra la vivace capitale dell’isola, l’incantevole villaggio di Lindos, rovine antiche dal fascino mitico, opulente terme del primo Novecento, musei per tutti i gusti e bellezze paesaggistiche come un bosco di farfalle o un fiume immerso nel verde.

Non perdetevi il meglio dell’isola: segnatevi sul vostro taccuino di viaggio le 10 cose da vedere a Rodi.

Città e villaggi

Città di Rodi

Ottima base sia per esplorare l’isola sia per una comoda vacanza di mare, la capitale Rodi è una città divisa in due zone dall’anima profondamente diversa.

Dichhiarata patrimonio dell’umanità Unesco, la città vecchia, orgogliosamente racchiusa all’interno di possenti mura, è una straordinaria fusione di stili architettonici diversi: classico, medievale, ottomano e italiano.

Lo splendido capoluogo dell’isola

La città nuova è un susseguirsi di boutique, bar e locali alla moda sul lungomare, mentre nelle viuzze interne potete trovare taverne tradizionali e bistrot.

Tra le numerosissime attrazioni turistiche della città di Rodi segnaliamo:

  • Quartiere dei Cavalieri, un’area della città vecchia usata come quartier generale dai Cavalieri di San Giovanni, che dominarono Rodi tra il Trecento e il Quattrocento.
  • Palazzo del Gran Maestro, magnifico palazzo costruito nel Trecento su una precedente fortezza bizantina come sede della massima autorità dell’Ordine dei Cavalieri di San Giovanni. L’interno, danneggiato da un’esplosione nell’Ottocento, venne ricostruito in epoca fascista.
  • Moschea di Solimano il Magnifico, dalle caratteristiche pareti rosa, fu costruita nel Cinquecento per commemorare la vittoria degli ottomani sui Cavalieri.
  • Acropoli di Rodi, il sito dell’antica città ellenica, a 2 km dalla città vecchia. Conserva i resti di uno stadio del II secolo dC e un teatro che veniva usato per le lezioni della scuola di retorica.
  • Faro di Agios Nikolas: costruito dai francesi, si trova all’entrata del porto turistico di Mandraki.

Lindos

Il villaggio di Lindos è semplicemente incantevole: questo caratteristico paesino greco è una cascata di casette bianche, un tempo dimore di pescatori e capitani, e un intrico di viuzze da esplorare senza alcun itinerario programmato.

Fondato più di 4000 anni fa, questo villaggio conserva ancora testimonianze delle dominazioni di bizantini, franchi e turchi, ma la grande attrazione turistica del centro di Lindos sono i suoi animati  bar e le sue deliziose taverne tipiche.

Non riusciamo a immaginare niente di più romantico che una cena a due in un ristorantino sul tetto di una tradizionale casa greca, ammirando una suggestiva vista sulle casette illuminate.

Spiagge

Baia di Anthony Quinn

La baia di Anthony Quinn è senza ombra di dubbio la spiaggia più famosa di Rodi: deve il suo nome al celebre attore protagonista del film “I cannoni di Navarone”, che venne girato proprio qui.

Il divo americano si innamorò della bellezza del luogo e decise di comprare in zona una lussuosa villa e dei terreni. Potete sentirvi divi anche voi prendendo il sole in questa baia incantevole, fortunatamente rimasta di proprietà pubblica e quindi visitabile gratuitamente.

Faliraki

La spiaggia di Faliraki, popolare località turistica lungo la costa ovest dell’isola, è una lunga distesa di sabbia dorata bagnata da un mare incredibilmente pulito.

È una spiaggia attrezzata, dotata di tutti i servizi, perfetta per famiglie in cerca di comodità e sicurezza ma anche per giovani, che qui possono praticare una quantità di sport acquatici e altre adrenaliniche attività.

La zona è inoltre famosa per la vivace vita notturna: sulla spiaggia e nei suoi dintorni troverete numerosi ristoranti, bar e club.

Prassonissi

Spiaggia dei due mari, Prassonissi è una lingua di sabbia che divide il mare Egeo a nord dal mar Mediterraneo a sud, creando due baie distinte.

Nei mesi di luglio e agosto il meltemi soffia vigoroso da queste parti, rendendo Prassonissi la meta ideale per sport acquatici come windsurf e kitesurf e per fotografie mozzafiato.

Scoprite di più sulle spiagge di Rodi

Acropoli di Lindos

Non aspettatevi qualcosa di simile all’acropoli di Atene altrimenti resterete delusi; precisato questo, si può tranquillamente affermare che tra le tante attrazioni storico-culturali dell’isola di Rodi l’Acropoli di Lindos è la più affascinante e merita senz’altro una visita.

Arroccata su una collina a 116 metri sul mare, l’Acropoli di Lindos si raggiunge salendo un ripido sentiero, ma una volta arrivati in cima vi chiederete se è stata la fatica o la bellezza del luogo a togliervi il fiato.

Fondata nel sesto secolo dC, l’acropoli di Lindos conserva ancora i resti di un tempio ad Atena Linda e una stoà (portico) con venti colonne: quest’ultima un tempo serviva a proteggervi dal sole, oggi  dovrete pensarci voi con cappello e crema solare.

Nonostante la fatica, il caldo e il prezzo del biglietto d’ingresso non proprio economicissimo non rimpiangerete di essere venuti qui: la vista delle rovine con lo straordinario sfondo della costa e del mare blu è qualcosa di magico.

Valle delle farfalle

L’attrazione turistica più curiosa di Rodi è Petaloudes, nota in italiano come Valle delle farfalle, a circa 7 km dalla costa.

Sconsigliata a chi soffre di papiliofobia, per tutti gli altri è un luogo affascinante dove si può provare l’insolita esperienza di passeggiare lungo un lussureggiante sentiero nel bosco circondati da una nuvola di farfalle.

La Valle delle Farfalle

Non diminuisce il fascino di Petaloudes scoprire che in realtà questi colorati insetti non sono farfalle ma falene della specie Callimorpha quadripunctaria o che nei mesi estivi il bosco, preso d’assalto da folle di turisti, non è esattamente un idillico luogo silenzioso.

Terme di Kalithea

Progettate dall’architetto italiano Pietro Lombardi ed inaugurate nel 1929, le terme di Kalithea sono un sontuoso complesso spa in stile art deco con un impressionante patio e un’abbondanza di padiglioni, sale, corridoi, colonnati, scale e mosaici, il tutto immerso in uno scenario naturale di straordinaria bellezza.

L’eleganza e la grandiosità del progetto fecero delle terme di Kalithea una delle opere architettoniche di maggior pregio dell’epoca.

Dopo anni di abbandono e incuria le terme di Kalithea sono state restaurate e riportate al loro antico splendore; oggi le sue splendide sale e padiglioni ospitano mostre, concerti ed eventi.

Terminata la vostra visita alle terme, rimanete in zona per un tuffo nella spiaggia di Kalithea, bagnata da un mare di un incredibile color azzurro.

Sette sorgenti (Epta Piges)

Quando il caldo si fa insopportabile cercate rifugio a Epta Piges, una zona boschiva nell’entroterra a 4 km da Kolimbia.

In questo fresco luogo immerso nei pini e nei platani sette sorgenti naturali si uniscono in un piccolo fiume che, incanalanato lungo uno strettissimo tunnel, si getta in un lago formato in seguito alla costruzione di una diga nel 1931.

Regalatevi un pomeriggio alle Sette Sorgenti per passeggiare nel fresco, ammirare diverse specie di uccelli e fare un tuffo in acque dolci.

Musei

Rodi è un’isola ricca di storia il cui amore per la cultura non si è fermato al passato: durante la vostra vacanza avrete la possibilità di visitare interessanti musei sia di arte e storia antica, sia contemporanei.

Ce n’è davvero per tutti i gusti, dall’imperdibile Museo Archeologico della città di Rodi al Museo di Arte Greca Moderna, passando per la galleria fotografica ospitata al palazzo Nestoridi, il Museo di Arti Decorative e il Museo Ebraico della Sinagoga.

Mappa

Le isole attorno Rodi